Lampeggi e fastidi

Come ho gia’ avuto modo di scrivere, una delle mie passioni maggiori nonche’ mezzo di trasporto primario, e’ la motocicletta e quindi la uso anche nei trasferimenti autostradali. E’ qui che, sui lunghi rettilinei, si incontra uno dei piu’ fastidiosi appartenenti alla categoria degli automobilisti, ovvero l”automibilistus lempaggiatorius’.
Questo personaggio, incurante del dislivello abissale di prestazioni che c’e’ tra un auto ed una moto, sebbene quest’ultima abbia quasi 15 anni di vita, gia’ a 300/400 metri dalla moto che sta viaggiando, che ne so, ai 140/150 km/h in sorpasso, inizia a lampeggiare chiedendo strada. Ovviamente il motociclista sta facendo il suo bel sorpasso di altre vetture, non puo’ scomparire, ne’ puo’ mettere le ali e volare e quindi se ne rimane ad effettuare la sua manovra. Al che, indispettito piu’ che mai, il suddetto personaggio si avvicina pericolosamente lampeggiando incessantemente a frequenze di qualche decina di hertz, nella speranza che la luce, attraversando il motociclista, ne sbilanci in qualche maniera la carica atomica facendo si’ che questo si disintegri.
A questo punto l’automobilista puo’ trovarsi davanti vari tipi di motociclista, anzi, vari stati d’animo del motociclista, dipende dal giorno, dalla presenza di fidanzata o moglie, di bagagli, di come ha messo il piede al mattino, etc…

  • il generoso: una volta terminato il sorpasso, incurante, si sposta a destra lasciando strada;
  • il bastardo: inizia a rallentare portandosi ad una velocita’ di un infinitesimo maggiore di quella della colonna di auto che sta superando;
  • il veramente bastardo: che inizia a rallentare portandosi ad una velocita’ inferiore rispetto alla colonna;
  • l’attaccabrighe: espone con gentilezza il dito medio della mano sinistra a segnalare che tra un minuto terminera’ il sorpasso. A volte puo’ esporlo sbattendolo quasi sul parabrezza della vettura una volta che si sia spostato a destra per farla passare, a ribadie che ci ha messo un minuto a fare il sorpasso;
  • l’attaccabrighe bastardo: che espone il dito medio come sopra ma poi, inizia ad accelerare per essere sicuro che il personaggio su quattro ruote abbia capito il concetto;
  • il competitivo: quando il personaggio e’ abbastanza sotto, inizia lentamente ad accelerare, per vedere quanto l’inseguitore riesce a stargli dietro;
  • il competitivo bastardo: rallenta dopo il sorpasso, dopodiche’ si pone dietro l’automobilista ed inizia ad accelerare iniziando a lampeggiare chiedendo strada;
  • il competitivo veramente bastardo: non solo si pone in scia ed accelera, ma quando l’automobilista ha esaurito il (di solito) centinaio di cavalli o poco piu’ e si sposta sulla destra per lasciar passare il motociclista, questi a sua volta si sposta e chiede ulteriormente strada anche sulla corsia di destra.

Non si sa come, ma il fatto di avere un auto nuova, turbodieselcommonrailiniezionediretta, fa anche pensare di poter comandare a destra e a manca, nemmeno si avesse un porsche o un ferrari, senza pensare che anche la mia vecchietta supera i 240 orari e che insomma, non e’ da tutte le auto impensierirla, ma in giro ci sono moto ben piu’ prestazionali, su ebay con 6000 euro si prendono moto che superano i 300 effettivi (e li sono cazzi anche per porsche e ferrari).
Per cui, se una moto e’ in corsia di sorpasso e sta sfilando delle vetture sulla destra, pensateci prima di sfanalare…o avete una vettura da almeno 240 all’ora o statevene tranquilli in attesa che abbia terminato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.