Pessotto e gli altri

Leggo in giro che Pessotto, ex giocatore ed ora dirigente della juventus, e’ stato dimesso dall’ospedale dove era stato ricoverato a seguito di un tentativo di suicidio. Contemporaneamente si leggono storie strane su Francesco Nuti, ricoverato pure lui per una strana caduta, comunque pure lui malato come Pessotto (almeno in passato) di depressione.
Ma io mi chiedo…cosa c’e’ da essere depressi ? Quale motivo hanno per esserlo ? Tutti quanti a dire poverini, che devono essere compresi, capiti, aiutati. Ma perche’ ? Se loro che hanno fama, notorieta’, denaro, salute, amicizie di alto livello sono depressi, cosa dovrebbero dire le madri di figli costrette a lavorare tutto il giorno per far fatica ad arrivare a fine mese, o a famiglie che ogni mese guardano arrivare le scadenze delle bollette o del mutuo o del prestito senza sapere come pagare ? E cosa dire dei malati, magari di malattie debilitanti o che lasciano pochi mesi di vita, che vivono ogni attimo come se fosse l’ultimo cercando il massimo in tutto quello che fanno senza scoraggiarsi.
Io sono stufo di questo buonismo, e lo dico chiaro: se vogliono morire che lo facciano bene, buttandosi dal decimo piano (evitando i passanti possibilmente) oppure sotto un treno, ma per favore, nessuna pieta’ per chi sputa addosso alla propria (bella) vita, senza rispetto per chi, veramente, soffre tutti i giorni e nonostante questo e’ legato alla vita come si deve a cio’ che di piu’ prezioso si abbia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.