Sono, da sempre, a favore dell’energia nucleare per usi civili. I motivi sono molto semplici e spaziano dall’urgenza di produrre enormi quantità di energia, al fatto che la tecnologia ha fatto grossi passi avanti nel garantire la sicurezza degli impianti fino al fatto che, nonostante i fatti accaduti in passato (Chernobyl e Fukushima per citare i più noti) alla fine il nucleare si è dimostrato molto più sicuro di quanto sia comunemente percepito. Quelle che seguono sono considerazioni personali.

Continua a leggere

L’ho aspettata, l’ho cercata, l’ho trovata. L’ho presa.

Continua a leggere

Lo spunto me lo aveva dato l’amica di Facebook Emanuela, ancora molto tempo fa, per un giro in bici lungo il fiume Sarca, che dalle valli trentine ridiscende ad alimentare il lago di Garda. Dovendo passare un fine settimana nella città di Arco sono andato a spulciare la sua bacheca alla ricerca di informazioni come tracce e consigli, e così ho trovato un secondo giro interessante lungo la strada del Ponale, che sale da Riva del Garda al lago di Ledro, per cui due giorni e due giri in modalità cicloturismo.

Continua a leggere

Pochi mesi sono passati dall’ultimo, importante evento artistico che ho avuto il piacere di visitare: “Van Gogh. Tra il grano e il cielo”, svoltosi a Vicenza quando l’idea del giro cicloturistico per il 2018 aveva già preso forma, a grandi linee, nella mia testa e in quella della mia estemporanea accompagnatrice ed ormai ex collega ed era ormai diventata definitiva. Quest’anno si sarebbe andati in Olanda.

Continua a leggere

Con colpevole, e cronico ritardo, ecco il riassunto della gara in quel di Vicenza.

Io e Michele partiamo il sabato pomeriggio, come di consueto, per raggiungere il ritiro pacchi gara. Dopo avere parcheggiato ci avviamo al parco e notiamo l’elevato numero di indiani che circola, rimanendone stupidi, ma tutto risulta più chiaro quando, nell’appossimarci agli stand, vediamo che è in corso una festa indiana, con la presenza di centinaia (migliaia ?) di persone di questa nazionalità.

Continua a leggere

Su alcuni video ripresi in bici, mi piace aggiungere la visualizzazione dei dati raccolti di velocità, cadenza, battito, potenza. Farlo non è semplicissimo soprattutto per quanto riguarda la sincronizzazione, ma basta un po’ di furbizia e pratica per riuscirci. Chiaramente, visto che si porta via un po’ di tempo, non lo consiglio per tutti i video, ma il tempo è vostro e potete farne ciò che volete 🙂

Continua a leggere

 

Ebbene sì, dopo molti anni ho abbandonato lo strumento di pubblicazione nanoblogger per il più diffuso e pratico WordPress.

Il problema principale è stato reimportare tutti i post del passato, mantenendone il più possibile la struttura, ma con uno script shell sono riuscito a ottenere quello che volevo, a parte la categorizzazione che ho fatto a mano per qualche decina di post, gli altri boh, se ne avrò voglia.

Continua a leggere

Questo e’ il resoconto della mia prima esperienza, datata agosto 2015, come cicloturista.

L’idea nacque nel 2013, leggendo un articolo su un quotidiano online in cui veniva presentato un percorso molto intrigante che univa Parigi a Londra, attraverso una serie di percorsi ciclabili e strade secondarie. Girai l’articolo ad una collega (non avezza ad Internet e ai social, e che quindi non apparira’) che qualche tempo prima mi aveva detto che le sarebbe piaciuto fare del cicloturismo, e subito ne fu entusiasta, poi la cosa decanto’ fino a fine 2014 quando decidemmo di verificare la possibilita’ di avventurarci in questa impresa: il giorno dopo eravamo gia’ in possesso del libro di Alberto Fiorin ‘Parigi – Londra in bicicletta’ (Ediciclo Editore) e a febbraio 2015 c’era gia’ la prima prenotazione effettuata.

Continua a leggere