Dashware: visualizzare i dati in un video

Su alcuni video ripresi in bici, mi piace aggiungere la visualizzazione dei dati raccolti di velocità, cadenza, battito, potenza. Farlo non è semplicissimo soprattutto per quanto riguarda la sincronizzazione, ma basta un po’ di furbizia e pratica per riuscirci. Chiaramente, visto che si porta via un po’ di tempo, non lo consiglio per tutti i video, ma il tempo è vostro e potete farne ciò che volete 🙂

Per prima cosa ecco cosa vi serve:

– il video (ovvio): io lo carico preventivamente su youtube, giusto per averlo nella forma iniziale (lo trovate QUI);

– il software: scaricate DashWare dal sito: è gratuito e sviluppato da GoPro;

– la traccia con i dati: prendetela/convertitela in formato GPX. Ci sono molti siti che lo fanno, io la scarico dal software GoldenCheetah, potete scaricarlo anche da strava ma in questo modo si perdono alcuni parametri, tipo la potenza. Un’altra opzione è convertire con un tool il formato del vostro dispositivo (ad esempio il garmin .fit) tramite tool online;

Cominciamo

La parte che maggiormente porta via tempo è trovare il punto di sincronizzazione tra i dati e l’inizio del video. Ecco come faccio io.

Mi posiziono all’inizio del video e cerco di capire dove si trova geograficamente (inizio di una salita nota ad esempio) oppure lo guardo fino a determinare, appunto, un punto noto. Nel video che uso come test, so esattamente dove si trova il punto di partenza, ma facciamo finta di essere in una gara o in un posto non noto. Cerco quindi un punto che mi ricordi qualcosa, ad esempio poco prima dell’inizio della salita che si trova al minuto 02:56. 

Vado quindi su Google Maps e cerco il punto esatto, e lo trovo QUI.

Come si vede il luogo è sostanzialmente lo stesso. Fate attenzione, perchè se andate un po’ troppo avanti o un po’ troppo indietro, poi i dati saranno visualizzati di conseguenza, con il rischio di vedere la potenza che sale quando la salita è iniziata da un secondo o due, o la velocita’ scendere quando dal video si vede chiaramente che si è già iniziato a frenare.

Ora viene la parte più complicata. Il file con i dati in formato GPX non è altro che una raccolta di informazioni che potete visualizzare con il programma wordpad o qualsiasi altro editor di file di testo. Se lo aprite vedrete che ci sono delle informazioni iniziali poi, per ogni punto rilevato dal GPS troverete una sezione tipo questa:

<trkpt lon=”11.034337241″ lat=”45.439307972″>
<ele>63.8</ele>
<time>2018-04-26T15:53:40Z</time>
<extensions>
<gpxtpx:TrackPointExtension>
<gpxtpx:atemp>23.0</gpxtpx:atemp>
<gpxtpx:hr>0</gpxtpx:hr>
<gpxtpx:cad>87</gpxtpx:cad>
</gpxtpx:TrackPointExtension>
<pwr:PowerInWatts xmlns:pwr=”http://www.garmin.com/xmlschemas/PowerExtension/v1″>106</pwr:PowerInWatts>
</extensions>
</trkpt>

<trkpt lon=”11.034337241″ lat=”45.439307972″> indica l’inizio delle informazioni rilevate in un punto (di coordinate lat=”45.439307972″ lon=”11.034337241″), che termina con </trkpt>. Quello che dobbiamo fare è trovare dove inizia il video in relazione alla lat e alla lon dei punti.
Tramite google maps possiamo rilevare le coordinate del punto noto, semplicemente le vediamo nell’indirizzo della pagina che, nel mio caso, e’ https://www.google.it/maps/@45.4772851,11.0343475,…ecc.ecc. Quegli strani numeri, che assomigliano a quelli in trkpt, sono appunto le coordinate del punto che stiamo visualizzando su google maps. Quindi, il minuto 02:56 del video si trova alle coordinate lat: 45.4772851 e lon: 11.0343475.

La parte complicata sta per terminare. Bisogna ora cerca nel file GPX delle coordinate che somiglino il più possibile a quelle determinate, questo lo potete fare con la funzione “cerca” dell’editor. Difficilmente troverete esattamente 45.4772851, più probabile qualcosa di meno preciso, ad esempio 45.4772 o 45.47723, però provate con piu’ numeri possibili in modo da limitare al massimo l’errore.

Io ho determinato che il punto piu’ simile e’ <trkpt lat=”45.4772290″ lon=”11.0343030″>

Ora, guardate l’orario del punto, lo vedete nel campo <time>…</time>, nel mio caso <time>2018-04-26T16:07:46Z</time>, considerando che l’orario e’ indietro di due ore perchè in formato universale, l’ora di inizio del video si ottiene togliendo due minuti e cinquantasei secondi. Per evitarvi difficoltà potete fare il conto su un sito che faccia questi calcoli, ad esempio questo, e quindi io, nel mio esempio, ottengo che l’inizio del video è, presumibilmente, a 16:04:50.

Nel file GPX andiamo a trovare questo momento ed il punto corrispondente che mi risulta essere:

<trkpt lon=”11.036412349″ lat=”45.467751206″>
<ele>68.8</ele>
<time>2018-04-26T16:04:50Z</time>
<extensions>
<gpxtpx:TrackPointExtension>
<gpxtpx:atemp>23.0</gpxtpx:atemp>
<gpxtpx:hr>153</gpxtpx:hr>
<gpxtpx:cad>76</gpxtpx:cad>
</gpxtpx:TrackPointExtension>
<pwr:PowerInWatts xmlns:pwr=”http://www.garmin.com/xmlschemas/PowerExtension/v1″>301</pwr:PowerInWatts>
</extensions>
</trkpt>

Per fare una verifica, sempre su google maps, inserite nella ricerca (dove solitamente mettete il nome del paese o della città), direttamente le coordinate separate da virgola, quindi: 45.467751206,11.036412349, mettete l’omino di streetview nel punto determinato e controllate che sia, effettivamente l’inizio del video. Il mio non è cosi’ preciso, per cui preferisco muovermi con streetview quel tanto che basta per determinare la posizione con maggior precisione, che è il punto successivo.

La parte complicata è terminata. Ora dovete solo selezionare tutta la parte del file GPX che precede il punto determinato, lasciando pero’ l’intestazione del file, quindi fino al primo campo <trkpt> e cancellarla, in questo modo avrete qualcosa simile a questo:

<?xml version=”1.0″?>
[…]
<trkseg>
<trkpt lon=”11.036412349″ lat=”45.467751206″>

dove <trkpt lon=”11.036412349″ lat=”45.467751206″> sono le coordinate del punto di inizio del video.

Ora lanciate il software DashWare, nella schermata di avvio selezionate il video e date un nome al progetto, poi nella sezione Project (dovreste già esserci) nel campo “Data File(s)” selezionate “+” e caricate il file GPX.

Ora dovete solo decidere come visualizzare i dati. Io cancello quelli di default: nella finestra con il video selezionate i riquadri in alto e con il tasto ‘canc’ eliminateli, poi andate nella sezione Gauge Toolbox potete selezionare il cruscotto che più vi aggrada (attenzione, alcuni sono doppi perchè visualizzano mph invece che kph e così via). A me piace Cycling Hornet KPH. Trascinatelo sul video e poi lo potete ridimensionare e posizionare a piacimento.

Andate poi nella sezione Syncronization e selezionate l’opzione “Sync with video”.

Premendo il tasto play potete avere un’anteprima di quello che sarà e potete controllare che effettivamente la sincronizzazione sia corretta.

Consiglio finale: fate delle prove senza togliere subito tutta la parte del file GPX, partite due o tre secondi prima, cosi’ poi potete vedere se la sincronizzazione è buona, altrimenti togliete un altro punto, e così via, mentre avete ancora l’editor aperto.

Ora potete generare il video, andando su “File” e selezionando l’apposita opzione del menù.

Il video finale lo potete trovare QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.