Solo con i fantasmi del passato

Li aveva traditi tutti.
Che cosa direbbero di me i miei uomini, adesso ? Guardo’ la parete vuota di fronta alla branda.
Che cosa avrebbe detto Romanov ?
Credo che abbiamo bisogno tutti e due di bere qualcosa, capitano, disse la voce. A queste cose si pensa meglio con l’aiuto della vodka o del samogan
Tu sai perche’ ?
Non ce l’hai mai detto capitano, rispose Romanov. E cosi’ Misha spiego’ i motivi. Basto’ un brevissimo istante.
Sua moglie e tutti e due i ragazzi. Mi dica, compagno capitano, per che cosa siamo morti ?
Misha non lo sapeva. Non lo aveva saputo nemmeno durante i combattimenti. Era un soldato, e quando la sua Patria e’ invasa, il soldato combatte per cacciare il nemico. Facile, e ancora di piu’ quando il nemico era brutale come i tedeschi.
Abbiamo combattuto per l’Unione Sovietica, caporale.
Davvero ? A me sembra di ricordare che ho combattuto per la Madre Russia, ma soprattutto per lei, compagno capitano
Ma…
Un soldato combatte per i suoi camerati, capitano. Ho combattuto per la mia famiglia. Credo che lei lo abbia fatto per sua moglie e per i ragazzi. Gliel’ho sempre invidiata, la famiglia, ed ero orgoglioso che lei me ne facesse partecipe. Per me, la famiglia era lei, lei e il reparto
Ma io ti ho ucciso. Non avrei dovuto…
Abbiamo tutti un destino, compagno capitano. Il mio era di morire giovane a Vyasma senza avere avuto ne’ mogli ne’ figli, ma anche cosi’ non sono morto senza famiglia.
Ti ho vendicato, Romanov. Ho distrutto il Mark-IV che ti aveva ucciso.
Lo so. Ha vendicato tutti i morti della sua famiglia. Perche’ crede che noi le volessimo bene ? Perche’ morivamo per lei ?
Tu mi capisci, dunque ? domando’ Misha sorpreso.
Forse non lo capirebbero i contadini e gli operai, ma i suoi uomini si’. Adesso comprendiamo il destino, meglio di quando possa capirlo lei.
Che cosa devo fare ?
I capitani non lo chiedono ai caporali, risposte Romanov ridendo. Era lei che aveva tutte le risposte alle nostre domande

Tom Clancy, ‘Il Cardinale del Cremlino’, Biblioteca Universale Rizzoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.