Gara alpini 2013

Ieri, per la prima volta, ho fatto la gara alpini di MTB. Ho saltato Locara quest’anno per vari motivi, uno dei quali era che la mia vecchia Specialized non la ritengo piu’ abbastanza sicura per portare a termine un’uscita minimamente impegnativa, per cui quest’inverno e’ diventata la ‘bici da rulli’.
La gara degli alpini e’ un evento annuale che organizza la mia squadra ASD VeronaBike, e complice anche il fatto che siamo un po’ pochini, ho voluto dare un mio contributo facendo numero, e quindi via la gomma posteriore liscia e rimontato quella tacchettata, cosi’ la Specy e’ tornata abile e arruolata.
Uscita venerdi’ sera per testare se non ci fossero pezzi da perdere per strada, sabato vado a vedere di dare una mano nella preparazione, ma a parte appendere alcuni striscioni il grosso e’ stato fatto dagli altri: bravi, soprattutto Paolo che ha tenuto le fila con l’associazione alpini di Sona. Niente pacchi gara da ritirare in questa occasione.
Domenica mattina decido di andare in auto, saltando l’invito di mio fratello di andare insieme ad un gruppo direttamente in bici, cosi’ ne approfitto per dormire un po’ di piu’: decisione azzeccata visto che ho dormito poco e male. Scendo, carico la bici e parto. L’idea e’ di prenderla ‘alla buona’, il percorso non presenta difficolta’ tecniche (che io non saprei affrontare vista la mia inettitudine alla guida in fuoristrada), si tradda solo di menare. E testare la gamba in vista di domenica prossima, esordio nelle granfondo. Lungo la strada pero’ incrocio un paio di bikers che stanno andando in bici, ne incrocio un altro paio in senso contrario in auto con il mezzo sul tetto, e l’adrenalina inizia a salire: non ci posso fare nulla, e’ cosi’ 🙂
Mi vesto e mi presento al via: siamo in quasi 530 partenti, di tutti i tipi: dagli sfegatati che vengono a passare una giornata senza troppe pressioni sul risultato, ai genitori con bimbi al seguito. E’ bello, questo e’ lo spirito giusto per una gara ‘da alpini’.
Stiamo per partire, noi della squadra siamo in mezzo a tutti gli altri e quando ci si inizia a muovere vengo preso alla sprovvista: devo avviare il client di endomondo…mi fermo dopo 10 metri, perdo 30 secondi abbastaza per finire piuttosto indietro e perdere il contatto, anche visuale, con la squadra. Pazienza. Inizio a pedalare, recupero un po’ di posizioni. Il primo ad essere riacciuffato e’ Paolo che, in sella al tandem con una ragazza manca poco che si metta a descrivere le bellezze del paesaggio e a fare da cicerone sulla storia del luogo, dei vini (pur essendo astemio) e della gastronomia. Continuo a superare, mi aggrego a qualcuno veloce piu’ o meno come me. Il percorso e’ piuttosto facile, in mezzo ai campi, niente strappi se non qualche salitella. Il primo giro del percorso lo faccio abbastanza affannato, il secondo meno, mi metto assieme ad un gruppo e quando vedo avanti qualcuno lo vado a prendere. L’unica cosa che non mi piace e’ un rivolo di liquame che attraversa il percorso 🙂 E’ piccolo, sara’ largo quattro centimetri, ma abbastanza per alzarne qualche goccia che si fa sentire addosso 🙂 Oh, i bikers suppongo si limitino ad amare il fango, non i suoi simili !!! 🙂
Tempo totale: 1:54:51, mi sono divertito anche se sono sempre piu’ convinto che, nonostante l’impegno di quest’inverno la preparazione sia piuttosto scarsa. Di certo i percorsi lunghi, anche per quest’anno, me li sogno.
La traccia Endomondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.